Scienze fisiche, geoscienze

Trattamento e confezionamento innovativi per prodotti a base di bacche organici, sicuri e di alta qualità

I consumatori vogliono che siano disponibili grandi quantità di prodotti a base di bacche organici e di alta qualità. Un team internazionale di ricercatori si è prefisso di soddisfare le loro richieste.

Negli ultimi vent’anni, sono cresciute le preoccupazioni circa gli effetti negativi dei prodotti coltivati convenzionalmente sulla nostra salute e sull’ambiente. Di conseguenza, sempre più consumatori scelgono di acquistare prodotti alimentari organici. Tuttavia, le bacche e i frutti organici freschi e trattati sono tuttora disponibili solo in quantità limitate e sono anche altamente deperibili (il loro deterioramento è causa della perdita di un terzo o metà della produzione).

Dal 2015, il progetto EcoBerries trova soluzioni che possano soddisfare la domanda crescente di prodotti a base di bacche sicuri e sani, realizzati avendo in mente la qualità e il loro impatto ambientale. Negli ultimi tre anni, EcoBerries ha sviluppato una serie di soluzioni e tecnologie per estendere la durata di conservazione e preservare la qualità di prodotti a base di bacche e frutta fresche e trattate.

EcoBerries è 1 degli 11 progetti svolti nell’ambito dell’ombrello CORE ORGANIC PLUS. Parzialmente finanziato dall’UE, CORE ORGANIC PLUS è una rete di 24 partner provenienti da 21 paesi europei che lavora per avviare progetti di ricerca transnazionale in materia di alimenti e sistemi di agricoltura organici.

Succhi, frutta semi-essiccata e rivestimenti commestibili

Per produrre succhi organici di mirtilli e kiwi con una maggiore conservabilità, il team del progetto ha utilizzato un processo chiamato omogeneizzazione ad alta pressione (HPH, high-pressure homogenisation). Il vantaggio dell’HPH è che non sono necessarie alte temperature per evitare il deterioramento del prodotto. Con questo metodo, il team ha ottenuto una durata di conservazione pari a 2 mesi e fino a 40 giorni per i succhi di mirtillo e kiwi, rispettivamente.

Inoltre, rivestimenti commestibili a base di materiali vegetali, quali il chitosano dei funghi e le procianidine estratte dai semi dell’uva, sono stati applicati a bacche intere. È stato scoperto che i rivestimenti preservano il colore e la fermezza dei mirtilli, oltre a prolungarne la durata di conservazione.

Un’ulteriore area di esplorazione è stata la produzione di frutta semi-secca, come le fragole, attraverso la disidratazione osmotica combinata con campi elettrici pulsati. La combinazione dei due metodi può aumentare il trasferimento di massa d’acqua e far diminuire significativamente il tempo di lavorazione delle bacche semi-essiccate, riducendo anche il consumo di energia.

In un video pubblicato sul sito web di CORE ORGANIC PLUS, Marie Alminger, coordinatrice di EcoBerries, della Chalmers University of Technology in Svezia, afferma che le tecnologie sviluppate «possono costituire metodi molto efficaci per prolungare la durata di conservazione, nonché per preservare i nutrienti». Utilizzando queste tecnologie delicate, spiega, «possiamo inoltre limitare l’uso di energia e ridurre gli sprechi nella filiera alimentare».

Confezionamento più intelligente e meno rifiuti

Il team del progetto sta inoltre lavorando su confezionamenti in atmosfera modificata (MAP, modified atmosphere packaging) come mezzo per preservare ed estendere la durata di conservazione delle fragole fresche. Attraverso la tecnologia MAP, l’aria atmosferica all’interno di una confezione viene sostituita con una miscela di gas protettiva che mantiene il prodotto fresco per periodi di tempo più lunghi. Il team ha utilizzato un software aggiornato per identificare le concentrazioni ottimali di CO2 e O2 per questa finalità.

È stata anche studiata l’ulteriore riduzione dei rifiuti includendo flussi laterali dall’industria di trattamento delle bacche. I partner del progetto hanno essiccato panelli di semi oleosi originati dalla trasformazione del succo di bacche, da cui hanno ottenuto diverse polveri di bacche che possono essere utilizzate per estrusione e spuntini sani.

CORE ORGANIC PLUS (Coordination of European Transnational Research in Organic Food and Farming Systems) ha finanziato la ricerca transnazionale focalizzata sullo sviluppo dell’alimentazione e dell’agricoltura organica dal 2013.

Per ulteriori informazioni, si consulti:
sito web del progetto CORE ORGANIC PLUS

ultima data di modifica: 2018-09-28 17:15:01
Commenti



Study in Poland
Privacy Policy